Rivisteria - novembre 2004
di Laura Cerutti

In una prosa semplice e diretta, illuminata dai lampi dell'imprevisto, diciannove racconti che compongono l'affresco di un microcosmo nigeriano contraddittorio e dimenticato.
Nel villaggio di Dukana casalinghe frustrate, giovani divisi tra modernità e tradizione, vecchi saggi e truffatori, ispettori corrotti e santoni si fronteggiano, ognuno con le proprie ambizioni e sullo sfondo di prevaricanti interessi internazionali.
Per la prima volta tradotto in italiano, Ken Saro-Wiwa ritrae in questa raccolta quegli stessi intrighi contro i quali ha speso la vita.