KULT - giugno 2003
di Gian Paolo Serino

Scrittore provocatorio ed estremo, Alexander Trocchi è una figura di spicco, anche se oggi ingiustamente dimenticata, del panorama letterario scozzese tra gli anni Cinquanta e Sessanta . Poeta della dissoluzione, autore de Il libro di Caino (Fandango) in Giovane Adamo , Trocchi torna a raccontare i disagi di una gioventù più bruciata che perduta. Una gioventù che soltanto negli estremi di una vita al massimo riusciva a trovare una direzione al proprio ineluttabile senso di estraneità.