CAMPUS - giugno 2003

Scrittore provocatorio ed estremo, Trocchi è il poeta della dissoluzione, racconta i disagi di una gioventù che soltanto negli estremi di una vita al massimo trova una direzione al proprio ineluttabile senso di estraneità.